Progettista

Tore Holm

Anno di progetto

1934

Anno di varo

1935

Armamento

Sloop

Classe

Skerry

Numero velico

S 62

Materiale scafo

Fasciame in mogano dell’Honduras su ordinate di quercia e acciaio galvanizzato

Lunghezza fuori tutto (m)

15,34

Lunghezza al galleggiamento (m)

9,80

Larghezza massima (m)

2,37

Dislocamento (kg)

4,00

Tore Holm (1896-1977) è stato un importante velista e progettista svedese. Ha partecipato a cinque Olimpiadi (1920, 1928, 1932, 1936 e 1948) vincendo 2 medaglie d’oro e due di bronzo. In quasi tutti i casi correndo su barche da lui progettate. Tra i suoi innumerevoli disegni di successo c’è anche il J-Class Svea che ha dovuto aspettare il 2017 per essere varato.
La sua prima Olimpiade, nel 1920 ad Anversa (le regate si svolsero a Ostenda) fu su Sif, uno Skerry 40 m2 da lui progettato. Nel suo equipaggio era presente anche il giovane Axel Rydin.
Nel 1933, Axel Rydin, diventato nel frattempo imprenditore di successo, contattò il suo vecchio amico Tore Holm chiedendogli di progettargli un 40 m2. Doveva essere straordinario: il più lungo 40 m2 mai realizzato! Nel 1934 il progetto fu pronto e fu contratto il famoso Oscar Schelin del cantiere Küngsörs per la realizzazione della barca. In quel periodo il cantiere di Schelin era pieno di lavoro e si dovette aspettare il 1935 per varare la barca che fu battezzata Gazell. Oscar Schelin aveva una dozzina di operai nel suo cantiere in cui realizzava tutti i particolari compresi i componenti in bronzo per i quali aveva allestito una fonderia. Il cantiere è ancora in attività.
La barca venne realizzata con un’ossatura in quercia e acciaio galvanizzato e fasciame in mogano dell’Honduras. La coperta fu fatta in pino dell’Oregon. Gli interni in mogano erano basati su un piccolo quadrato con due cuccette. In seguito furono aggiunti un fornello e un lavello.
La costruzione di Gazell fu terminata nella primavera del 1935 e la barca risultò perfettamente conforme alle regole di stazza della sua classe, come testimoniato dal certificato del 23 maggio 1935. Rydin era un ricco uomo d’affari ma era anche un velista esperto; rimase proprietario di Gazell fino al 1940 e in quegli anni vinse moltissime regate.

Il secondo proprietario fu Lennart Hellman di Norrköping, che ricevette Gazell in regalo da sua moglie. C’era la guerra, e non si trovavano carburanti per la loro barca a motore, e la coppia aveva bisogno di navigare. Gazell rimase nella famiglia Hellman fino al 1956.
Dal 1957 al 1967 Gazell fu della famiglia Edlund., quindi della famiglia Wirström di Södertalje, che la possedette dal 1968 al 1978. Nel 1979 Gazell fu a Nynäshamn, dove Harald Parmell, il nuovo proprietario, la mantenne fino al 1991 per poi cederla a Arvid Klingspor di Stoccolma. Questi navigò con Gazell fino alla sua morte nel 1997. Dal 1998 al 2003 la barca appartenne a Anders Arnheim, un americano di origine svedese che la tenne a Ljusterö, dove passava un mese tutti gli anni. Nel 2003 la barca fu acquistata da Maarten e Kari Lampe che la trasferirono in Olanda. I coniugi Lampe hanno navigato e curato Gazell con amore fino al 2017 quando, scomparsa Kari, Maarten l’ha ceduta all’attuale proprietario.
Oggi Gazell è in Italia presso lo Yacht Club Livorno ed è entrata a far parte delle Vele Storiche Viareggio con il cui guidone navigherà nel Tirreno partecipando ai principali raduni delle barche d’epoca.

Pin It on Pinterest

Share This