Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Una prestigiosa flotta di 44 imbarcazioni a vela e motore di valore storico si è data anche quest’anno appuntamento ai piedi delle Alpi Apuane per dar vita tra il 7 e il 10 ottobre al VI Raduno Vele Storiche Viareggio
Ormai a pieno titolo classica di fine stagione del circuito Mediterraneo, il Raduno è organizzato dall’omonima associazione e dal Club Nautico Versilia in collaborazione con la Capitaneria di Porto guidata dal C.F. Pasquale Vitiello, con il patrocinio di Comune di Viareggio, Guardia Costiera, Regione Toscana e Provincia di Lucca.
Regate combattute, occasioni di approfondimento sulla nautica storica, visite a imbarcazioni in corso di restauro, momenti di intrattenimento - come la gustosa cena musicale allestita nei capannoni del Cantiere Del Carlo - sono stati gli ingredienti che anche quest’anno hanno garantito il successo della manifestazione.
Anche per la sua VI edizione questa divertente festa del mare, della vela e delle antiche tradizioni marinare ha schierato tra le sue partecipanti pregevoli rappresentanti dello yachting storico: dal minuscolo Zephir, cutter di 6,60 m del 1939 disegnato da T. Harrison Butler, a Sirius, NY 32 progettato da Sparkman & Stephens nel 1936 per il New York Yacht Club, all’elegante Eilean ketch bermudiano progettato e costruito in Scozia nei cantieri Fife nel 1936 e recentemente restaurato dal cantiere viareggino Francesco Del Carlo per Officine Panerai. Più giovani per età ma non meno significative per valore storico, le imbarcazioni che hanno rappresentato quest’anno la classe IOR hanno visto il ritorno sui campi di regata dopo un accurato restauro di Temptation, il mini-maxi del 1983 disegnato da German Frers, vincitore col nome di Rose Selavy del Maxi Yacht World Championship 1988, e la presenza di Naif, il progetto di Dick Carter costruito nel 1973 da Carlini, capostipite della flotta di racer armata da Raul Gardini e tuttora di proprietà della famiglia. Tra le novità di questa edizione anche Jalina, un cutter del 1946 costruito in Francia dai cantieri Jouet su progetto di Eugène Cornu, tornato a navigare dopo un attento restauro filologico eseguito dai fratelli Marco e Stefano Bonacina.
In mare
Tra le imbarcazioni presenti al raduno, 32 si sono ingaggiate tra le boe nelle tre regate in programma, animate dal fairplay e dallo spirito amichevole proprio dell’associazione viareggina. Per le imbarcazioni d’epoca e classiche i confronti sono stati come tradizione in tempo reale, mentre al gruppo IOR sono state invece riservate prove in tempo compensato. Numerose nel corso delle tre prove le sfide dirette tra due o più imbarcazioni, con premi messi in palio dagli stessi equipaggi.  Per due delle tre giornate loro dedicate, le regate si sono svolte con un magnifico sole autunnale e arie deboli e capricciose - tipiche lungo le coste versiliesi quando il vento da nord est scavalca le Alpi Apuane - che hanno più volte sovvertito le posizioni nei gruppi di testa delle varie classi. Una fitta coltre di nubi e condizioni di vento più robuste, ma altrettanto mutevoli nella direzione, hanno invece caratterizzato la regata conclusiva del Raduno.
I risultati finali hanno premiato la regolarità delle prestazioni del Camper & Nicholson del 1931 Patience, dell’8M S.I. del 1927 Bamba e del cutter del 1946 Ilda, prime nelle tre classi di imbarcazioni d’epoca e classiche; Temptation e il three quarter ton del 1984 progettato da Luca Taddei Telepatia, si sono aggiudicate la vittoria nei due raggruppamenti IOR.
Tra le altre imbarcazioni che si sono distinte per una bella condotta in regata, il NY 32 Sirius, l’8M S.I. Margaret, dominatore della terza prova, il Freya Ismaele, portato da un equipaggio della Capitaneria di Porto di Viareggio e vincitore overall della prima regata IOR, e l’affusolato Skerry 30 mq del 1931 Lill-Yrsa, protagonista di una bella partenza nella prima prova con un timoniere d’eccezione, l’ex C.T. della nazionale italiana di calcio Marcello Lippi.

In banchina
Dopo il cocktail di benvenuto offerto dall’Hotel Plaza e de Russie, molte le iniziative ospitate nella sede del CNV che hanno affiancato le attività in mare: il convegno Amerigo Vespucci: il navigatore e la nave di ieri e di oggi - organizzato in collaborazione con il Comitato Amerigo Vespucci a Casa Sua – la conferenza di Leonardo De Vincentiis sullo yachting d’epoca in Spagna, e le mostre degli acquerelli di Emanuela Tenti, delle pitture di Paola Colleoni e Sandro Feruglio e delle immagini dei fotografi James R. Taylor e Marco Trainotti.
Nel Cantiere Del Carlo, in presenza del suo anziano armatore e di un folto pubblico viareggino, Enrico Zaccagni ha illustrato i lavori di restauro di Agostina, un Rivanetto Ligure di 9,23 m appartenuto alla stessa famiglia dal momento del suo varo nel 1946.
Nell’ambito del raduno il lungomare viareggino è stata teatro di una suggestiva e spettacolare kermesse. Mentre le imbarcazioni in regata sfilavano lungo la costa le vele al vento, le auto storiche delle associazioni CAMET di Firenze, RCCP di Prato e Garage del Tempo di Costa degli Etruschi anche quest’anno hanno voluto far rombare i loro motori d’antan sul lungomare viareggino per poi attendere, schierate in bella mostra davanti CNV, il ritorno a terra degli equipaggi.
La premiazione
Preceduta da un commosso minuto di silenzio che i partecipanti al Raduno hanno voluto dedicare ai quattro alpini che hanno perso la vita il 9 ottobre in Afganistan, la premiazione presso il Club Nautico Versilia è stata molto partecipata e si è svolta nel clima informale e disteso caratteristico di questo appuntamento viareggino dedicato alla nautica di valore storico.  
Ai primi classificati nelle regate sono andate le coppe offerte da Banca Interregionale e buoni acquisto forniti dalla Zaoli Sails, il Trofeo Il Bisonte per lo yacht più elegante è stato assegnato al NY 32 Sirius, il Premio Loretta Caponi per gli interni più raffinati è andato al ketch aurico del 1919 Tirrenia II, il Premio Roberto Boschi Azimut è stato attribuito al Sangermani Bufeo Blanco per la lunga crociera estiva che lo ha portato fino al Mar Egeo. Kipawa si è aggiudicato il Premio Hotel Plaza e de Russie, all’armatore di Capitan Lipari, Lorenzo Ghiglia, è stata consegnata una targa in memoria dell’armatrice di Ilda, Maria Grazia Cioni, e una targa VSV è stata riservata al Cantiere Tomei in ricordo del grande Beppone, indimenticabile rappresentante della cantieristica viareggina scomparso quest’anno.
Una targa speciale è stata assegnata al piccolissimo Zephir, il cui armatore ha regatato in solitario e con grande maestria, mentre Manta ha ricevuto l’ambito Trofeo Vele Storiche Viareggio.
A tutti i partecipanti una targhetta di ottone ricordo del raduno e una profumata pianta offerta da Rose Barni mentre targhe VSV hanno come tradizione suggellato il bel rapporto di collaborazione consolidato con il Club Nautico Versilia, la Capitaneria del Porto di Viareggio e con il Cantiere Francesco del Carlo, che anche quest’anno ha ospitato nei suoi capannoni un’affollatissima e festosa cena musicale per gli equipaggi.

Il VI Raduno Vele Storiche Viareggio è stato organizzato con il patrocinio del Comune di Viareggio, della Guardia Costiera, della Provincia di Lucca e della Regione Toscana. L’Associazione VSV si è avvalsa del sostegno di Il Bisonte, Banca Etruria, Zaoli Sails, Far Autoricambi, Repower, Dott. Roberto Boschi Azimut  Private Banking, Loretta Caponi, Rose Barni, Banca Interregionale e Hotel Plaza e de Russie, del supporto di Cantine Leonardo da Vinci, La Cantina di Soffiano, Consorzio Prosciutto Toscano DOP, Piante Fratelli Chiti, Picchetto Marine Hardwear, Caffè New York, Hotel Principe di Piemonte, La Florentina, Cennatoio e della partecipazione del Comitato Amerigo Vespucci a Casa Sua, CAMET, Ruote Classiche Club Prato e Polo Beach Club Viareggio.

SCARICA CLASSIFICHE

 

01_Raduno VSV 10_AV
03_Raduno VSV 10_AV
04_Raduno VSV 10_AV
05_Raduno VSV 10_AV
06_Raduno VSV 10_AV
07_Raduno VSV 10_AV
09_Raduno VSV 10_AV
1
11_Raduno VSV 10_AV
12_Raduno VSV 10_AV
2
3
_JRT0753
_JRT0761
_JRT0786
_JRT6731
_JRT7026
_JRT7122
acquerello VI raduno
Bamba
Bamba 6902
Bamba e Patience 6476
Estella e Manta 6800
Ilda 6955
Naif e Ismaele 6755
partenza vele storiche 6665 mr
partenza, in pp Ilda
Patience
Patience 0781
Patience 6471
Patience e Sirius 6460
Temptation 7554
temptation resize
VI Raduno VSV auto d
VI Raduno VSV auto e barche d
VI Raduno VSV auto storiche 6736
VI Raduno VSV banchina 6313
VI Raduno VSV flotta Epoca e Classiche in pp Jalina 6793
VI Raduno VSV flotta IOR 6746
vsv1
vsv2
vsv3
vsv4
01/43 
start stop bwd fwd